Nova Gorica Turizem Ente del turismo – Ufficio informazioni turistiche Nova Gorica +386 5 330 46 00

Cultura e natura

Piazza Bevkov trg

In piazza Bevkov trg, da poco ristrutturata, non si può non notare il modello in scala del progetto urbanistico di Nova Gorica, ideato dall’architetto Ravnikar, mentre un po’ più in là si può ammirare il movimento dei getti d’acqua della fontana cittadina. 

Le Rose di Borbone

In maggio del 2004, nel ex giardino monastico sulla facciata meridionale del Monastero di Kostanjevica presso Nova Gorica, è stata aperta al pubblico una Collezione delle Rose di Borbone. È una tra le più grandi e più complete collezioni delle Rose di Borbone al mondo. Al momento più di 80 diverse specie di questo vecchio gruppo di rose, coltivate da tanti collezionisti e entusiasti è conosciuta in tutto il mondo.

Boschetto di pini

Sul retro di questi edifici si trova il boschetto di pini, che rappresenta un biotopo unico nel centro cittadino, sorto sull’area delle ex cave di argilla. 

Piazza Trg Edvarda Kardelja

La piazza Trg Edvarda Kardelja è costituita da un grande prato all’altezza della confluenza della via Kidričeva e della Ulica tolminskih puntarjev. Il prato è delimitato sul lato nord dal Municipio, su quello est invece dal teatro e dalla biblioteca. È il palcoscenico ideale per grandi manifestazioni, cortei e concerti. 

Palazzo Comunale

Il Palazzo Comunale e' stato costruito nel 1950 su progetto dell'architetto Vinko Glanz. 

Bosco Panovec

Nova Gorica è una delle poche città in Slovenia che vanta nelle immediate vicinanze un complesso forestale interessante ben preservato e di discrete dimensioni, nel quale crescono numerose specie arboree locali e straniere.

Il Parco di Rafut

Il parco di Rafut fu piantato nella seconda meta del XIX secolo su un'area di tre ettari. Nel parco crescono specie diverse di alberi e cespugli intatti. Il terreno e il clima favorevoli hanno reso possibile la crescita di varie bellezze esotiche, impossibili da trovare nelle altre parti della Slovenia. Qui per esempio troviamo unici esemplari dei cipressi etc.

Monumento ai costruttori di Nova Gorica

A settembre del 2008 venne inaugurata una statua in onore degli edificatori di Nova Gorica, opera dello scultore Zmago Posega. 

Reka Soča

Il fiume Isonzo sorge nel cuore delle Alpi Giulie. Durante il suo percorso, lungo 138 km, che porta fino al mare, il fiume scorre prevalentemente lungo il bordo nord-occidentale della Slovenia.

Via Kidričeva ulica

La Via Kidričeva ulica (Magistrala) è una delle principali vie a Nova Gorica. 

 

Sabotin

Il Monte Sabotino (608 mt) è ubicato sul crocevia tra le aree pedemontana, submediterranea ed il massiccio montuoso della Dinara.

Piazza Rusjanov trg

La Piazza Rusjanov trg è la più nuova di questa giovane città - Nova Gorica. 

Banjška planota

Avete deciso di visitare il paese Banjšice per la prima volta oppure siete stati sull'altopiano della Bainsizza gia parecchie volte? Non importa. Senza alcun dubbio avete notato che il mondo quassu` è diverso.

 

Monumento a Edvard Rusjan

L’ 11 settembre 1960 fu eretto a Nova Gorica il Monumento a Edvard Rusjan, aviatore pioniere ed il primo pilota di origine slovena.

La Selva di Trnovo

La Selva di Trnovo ed il contiguo Altopiano di Banjšice – Bainsizza sono la parte più nordoccidentale delle Alpi dinariche.

Viale dedicato ai personaggi celebri

La via Erjavčeva è una delle vie più antiche di Nova Gorica. Venne costruita per collegare la città nascente con la stazione dei treni.

Piazza Europa

Le due amministrazioni municipali delle città di Gorizia (Italia) e Nova Gorica (Slovenia) decisero di onorare l’ingresso della Slovenia nell’Unione Europea in un modo molto particolare, e cioè non con una consueta targa oppure un monumento, ma con una nuova piazza comune ubicata davanti alla Stazione ferroviaria di Nova Gorica. L’area davanti alla Stazione ferroviaria di Nova Gorica, l’ex Stazione ferroviaria settentrionale della città di Gorica/Gorizia, è il passo più abitato dove le due città s’incontrano.

La Grande grotta di nevi e ghiacci perenni a Paradana

La Grande grotta di nevi e ghiacci perenni a Paradana, profonda 385 m e lunga 1550 m, è conosciuta nel mondo per la classica descrizione (locus classicus) dell’inversione di vegetazione.

Stazione ferroviaria

La stazione ferroviaria rientra tra i pochi vecchi palazzi di Nova Gorica, città che è sorta solo nel secondo dopoguerra.

Il Ponte naturale di Skozno

Sotto il pendio roccioso sopra il torrente Lijak si trova un Ponte naturale (lungo 15 m e alto 10 m) con un grotto nominato Skozno, che offre una meravigliosa vista sulla Valle del Vipava e la Pianura friulana.

Il torrente Lijak

Il Lijak è un’esuberante ed incostante sorgente carsica del torrente che porta lo stesso nome e che viene alla luce ai piedi di una rupe sotto l’orlo ripido della Selva di Trnovo.

La collezione museale Kolodvor: Il confine di stato nel Goriziano 1945 - 2004

Nel Novecento gli abitanti del Goriziano hanno cambiato più Stati che vestiti. Il confine ha segnato profondamente questo territorio che prima era sempre stato considerato unico. Inoltre non si trattava di una semplice frontiera, ma rappresentava la divisione tra Est e Ovest, protetta dal filo spinato.

Monastero di Kostanjevica

Tra Nova Gorica (Slovenia) e Gorica (Gorizia, Italia) sul colle di Kostanjevica / Castagnevizza (143 m s.l.m.) si trova il Monastero francescano con la Chiesa dell'Annunciazione (Cerkev Marijinega oznanenja). Nella Biblioteca (Škrabčeva knjižnica) del monastero si trovano alcuni incunaboli preziosi ed una copia della Grammatica di Bohorič. Nella cripta sotto la Chiesa di Kostanjevica riposano gli ultimi discendenti della casa reale francese di Borbone, tra questi anche l’ultimo re di Francia, Carlo X. Per tutti gli amanti dei gardini si trova nel monastero una delle piu’ complete collezioni di Rose Bourbon. 

Lo stagno di Zalošče

Lo stagno di Zalošče è da ritenersi un residuo di un alveo del fiume Vipava nei pressi di Zalošče nella Valle di Vipava. A causa delle opere di regolazione del canale del fiume Vipava e dei lavori di bonifica nella Valle di Vipava questi resti dei canali originali rappresentano gli ultimi rifugi rimasti alle numerose specie animali e vegetali che un tempo erano comuni nella Valle di Vipava.

Il Cimitero Ebraico

In Slovenia possiamo incontrare solamente pochi monumenti culturali ebraici. Si tratta soprattutto di cimiteri o lapidi con epitafi ebraici. Esempi di questo tipo di cimiteri si trovano a Ljubljana, Maribor, Ptuj. Ben mantenuto e il cimitero di Rožna Dolina vicino a Nova Gorica. Il cimitero e interessante sia per il suo impianto che per i dettagli ed e reso apprezzabile per il suo inserimento nell'ambiente.

La Chiesa Del Cristo Redentore

La chiesa e stata costruita nel 1982 su progetto dell'architetto Franc Kvaternik. E' ubicata nei pressi della via principale della citta che porta verso Solkan (Salcano). La sua bellezza e la monumentalita si possono ammirare soprattutto nel suo interno, arredato col plastico in legno del Cristo e della via Crucis, opera del pittore Stane Jarm.

Museo provinciale »Goriški muzej Kromberk-Nova Gorica«

Il Museo provinciale 'Goriški muzej' è un'istituzione provinciale con carattere museale generale che opera nell'area di quindici comuni del Litorale sloveno - Primorska.

Villa Bartolomei

Sotto l'influenza dell'architettura borghese nella vicina Gorizia, sono state costruite anche a Solkan (Salcano) diversi edifici di prestigio e numerose ville con parchi. Tra queste la villa Bartolomei che oggi fa da sede alla collezione storica del Goriški muzej (il Museo del Goriziano) con una mostra sul Litorale sloveno del periodo che va dal 1918 al 1947. Qui si trovano anche i laboratori di restauro del museo e alcune infrastrutture dislocate dei Zapori Koper / Carceri di Capodistria.

Il Castello di Kromberk

Su un colle panoramico alla periferia di Nova Gorica sorge una restaurata fortificazione rinascimentale. Sul posto del precedente castello di Enrico di Dornberk del sec. XIII, alla fine del sec. XVI fu costruito un castello rinascimentale a tre piani.

Il ponte in pietra a Solkan

Il ponte di Solkan (Salcano) è il più imponente ponte della Transalpina, linea ferroviaria che in Slovenia collega Jesenice con Nova Gorica, ed è anche uno dei più famosi ponti in Slovenia. Il ponte ha, secondo i dati a disposizione, il più grande arco in pietra al mondo, costruito sopra un fiume, e il più grande arco in pietra tra tutti i ponti ferroviari.

Monte Santo

Il Sveta Gora - Monte Santo è un santuario importante di antica tradizione pellegrina, e si trova a cavallo tra le valli del Vipacco e dell’Isonzo, e sul passaggio tra la piana di Gorizia e il Friuli, grazie alla posizione, sita a 682 mt s.l.v., offre una magnifica veduta delle Alpi Giulie, del Trnovski gozd/Selva di Tarnova, del Carso e fino al mare, mentre verso l’occidente si vedono il Collio, la Bassa Friulana, le Alpi Carniche e le Dolomiti.

La Prima Guerra Mondiale

Il San Gabriele (Škabrijel, 646 m), il Monte Santo (Sveta Gora, Skalnica, 681 m) e il Sabotino (Sabotin, 609 m) compongono il gruppo di montagne che svettano sopra Nova Gorica. Queste cime non hanno fatto certo la storia dell' alpinismo, eppure in migliaia sono morti per conquistarle.

Monte Sabotino Parco di Pace

Grazie alle sue bellezze naturali e storiche il Sabotino è un importante ritrovo degli escursionisti del Goriziano. Il Sabotino è diventato un Parco di Pace grazie alla collaborazione transfrontaliera. Si può arrivare in cima salendo per sentieri escursionistici o percorrendo piste ciclabili. Il monte è interessante per la flora e fauna ed anche per la sua ricca storia. 

Museo della Grande guerra di Solkan – le battaglie dell’Isonzo 1915-1917

Il museo della Grande Guerra di Solkan (Salcano) è una collezione museale di oggetti del primo conflitto mondiale, del Fronte sull'Isonzo. L’obiettivo della collezione è esaminare e conservare il patrimonio della Grande Guerra in queste terre. La collezione è aperta al pubblico e vuole essere una testimonianza e un monito degli orrori della prima guerra mondiale.

Museo della Grande guerra di Solkan – le battaglie dell’Isonzo 1915-1917

Il museo della Grande Guerra di Solkan (Salcano) è una collezione museale di oggetti del primo conflitto mondiale, del Fronte sull'Isonzo. L’obiettivo della collezione è esaminare e conservare il patrimonio della Grande Guerra in queste terre. La collezione è aperta al pubblico e vuole essere una testimonianza e un monito degli orrori della prima guerra mondiale.

Museo del falegname

Al piano terra dell’edificio, sulla via Soška cesta, si trova il museo del falegname, dove sono esposti gli attrezzi tipici e tutti gli altri arnesi usati dagli esperti artigiani del legno di Salcano. 

Monumento ai caduti nella Guerra di Liberazione e Sepolcro a Trnovo

Il Monumento ai caduti con sepolcro, dedicato a 256 partiggiani del IX Korpus caduti durante la Seconda Guerra Mondiale, è ubicato sul Mte. Kobilnik.

Il Castello di Ozeljan

Il Castello con la sua parte nordoccidentale è appoggiato alla chiesa e nella parte orientale gli fu annesso un camino. Parte costituente del castello sono un gradone ed un giardino – parco.

La chiesa dedicata all'Assunzione della Vergine, Vitovlje

La chiesa dedicata all'Assunzione della Vergine - sub sancta Maria de Golecz in Vitugliach - fu menzionata per la prima volta nel 1361.

Aleksandrinke - Alessandrine

Il fenomeno di massa dell'emigrazione femminile dal Goriziano in Egitto ebbe inizio nella seconda metà del XIX secolo, poiché durante la costruzione del Canale di Suez e maggiormente ancora dopo la sua apertura, nel 1869, aumentò il numero di uomini d'affari in Egitto, stabilitisi soprattutto ad Alessandria e al Cairo. Le ragazze e le donne per lo più d'origine contadina trovavano lavoro da ricche famiglie europee come cuoche, cameriere, badanti dei bambini, balie, governanti, sarte, ecc.

Pozzi ed abbeveratoi

Il progetto Living Fountains - rivitalizzazione dei pozzi e degli abbeveratoi nelle zone di frontiera, attuato nell'ambito del  Programma di cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia 2007-2013, prevede la ristrutturazione e la risistemazione di  34 pozzi ed abbeveratoi quali monumenti del patrimonio culturale.

Galleria d’arte »Mestna galerija Nova Gorica«

La galleria d’arte Mestna galerija Nova Gorica rappresenta il luogo centrale di ritrovo delle belle arti del Goriziano. È orientata soprattutto verso la determinazione dell’attuale sviluppo delle belle arti moderne nell’area.

Galleria d’arte Artes

Galleria d’arte Artes – vendita di opere d’arte e incorniciatura di quadri. Il programma della Galleria segue l’ispirazione artistica di team e quella personale, quella nazionale e straniera per unire le necessità presenti nell’ambito delle gallerie slovene ed è aperto per nuovi stili e possibilità espressive nell’arte.

Galerija Tir

La Galleria Tir - Kulturni center Mostovna / Centro di cultura Mostovna è destinata soprattutto ai giovani artisti locali non ancora affermati.

e-Hiša/e-Casa

In Casa elettronica vengono presentati esperimenti di vario genere.

Casa della cultura di Nova Gorica

L’istituzione pubblica – la Casa della cultura di Nova Gorica - ha completamente consolidato nei trenta anni della propria esistenza con programmi di alta qualità nell’ambito della musica, del film e dell’arte visuale, la propria caratteristica edistinzione non solo nel Goriziano,ma anche sull’intero territorio nazionale ed internazionale.

Teatro Nazionale Sloveno di Nova Gorica

Il Teatro Nazionale Sloveno di Nova Gorica - Slovensko narodno gledališče Nova Gorica è uno dei teatri professionali più giovani in Slovenia. Il teatro allestisce ogni stagione sei prime, e quasi la metà degli spettacoli viene poi presentata anche in altri teatri sloveni ed all’estero.

Biblioteca pubblica France Bevk

La biblioteca è stata fondata il 18 gennaio del 1949 a Šempeter con il nome Okrajna študijska knjižnica Gorica. Con la morte di France Bevk, noto scrittore sloveno, nel 1970 il nome viene cambiato in Biblioteca pubblica France Bevk di Nova Gorica.

Museo Mariano (Marijanski muzej)

Il Museo Mariano (Marijanski muzej) custodisce sin dall' anno 1996 immaginette votive, resti dela Basilica resa al suolo, figurine devozionali, fotografie e atti.

ar©tur